Bandita

Igp Marche Rosso


Ottenuto da uve biologiche e vinificato in naturale mediante fermentazione spontanea da lieviti indigeni, senza chiarifiche e filtrazioni.

Bandita racchiude in se l'anima dei tre vitigni autoctoni più importanti del territorio: Montepulciano, Sangiovese e Lacrima.

La mia idea è stata quella di riprendere e valorizzare un'antica tradizione ed unire in un unico vino il meglio di questi tre vitigni grazie alle nuove soluzioni tecnologiche ed alla volontà di creare un vino dal gusto internazionale.

Esprimere al massimo ogni vitigno, valorizzarlo in un unico vino che dia sempre la sensazione di importanza in un intreccio di antichi ricordi, eleganza e modernità.

In un sorso un territorio intero.

Vendemmiamo a mano e vinifichiamo in tempi diversi e con vinificazioni specifiche tutti e tre i vitigni per coglierne l’essenza da ognuno.

Dopo la fermentazione e un primo affinamento separati, vengono assemblati per poi continuare l'evoluzione in un unico blend per almeno 2 anni. Segue l'affinamento in bottiglia.

“...il Montepulciano con la sua forza e la splendida complessità, il Sangiovese con la sua eleganza e il Lacrima con il suo unico bouquet e il touché speziato danno vita ad un vino sorprendente e di grande identità...”

Zona d’origine

Nostro vigneto in Scapezzano di Senigallia (AN)

Uve

Lacrima 34%, sangiovese 33%, montepulciano 33%

Tipologia del terreno

Argilloso-calcareo

Sistema di allevamento

Guyot

Numero ceppi per ettaro

2800

Produzione massima

1,2 kg a Vite

Vendemmia

Fine settembre/inizio ottobre, a mano in cassette a piena maturazione dalle vigne più vecchie dell’azienda

Vinificazione

Macerazione prefermentativa a freddo per estrazione di aromi e colore, fermentazione in inox a temperatura controllata. Lieviti indigeni.

Maturazione

24 mesi in vasche inox su fecce fini con continui batonnages

Affinamento

12 mesi in bottiglia